Vedere per credere

Il proprietario del lotto “A”, anni addietro, ha ricevuto dal proprio Comune il permesso di costruire a 3 metri dal confine e l’edificio costruito avrà una finestra rivolta verso il lotto “B”. (Vedi dis. 1)frec
Passa del tempo e il proprietario del lotto “B” chiede la concessione di costruire nel proprio terreno. Il terreno non è grande (circa 20mx20m) ma è una tipica situazione che si ha nelle periferie di città, con piccoli lotti uguali per costruire casette singole. Il Comune a questo punto ha un problema: il D.M. del 1968 (puoi consultarlo dal menu) impone distanze di 10 metri tra edifici con pareti finestrate (la casa del lotto “A” ha una finestra che guarda il lotto “B”) e, se applicato nel caso in questione, impedirebbe di fatto la costruzione. (vedi dis. 2)frec
Perchè 5m + 3m fanno 8 metri e non 10m. Oltretutto il lotto “B” confina con il lotto “C” e, se l’edificio del lotto “B” si avvicinasse troppo al confine, mancherebbe la distanza dei 10 metri con la futura casa del lotto “C”.
Oppure si potrebbe consentire la costruzione di una casa molto stretta da risultare però troppo piccola e ben al di sotto delle possibilità di edificare del lotto.(vedi dis. 3)frec
A questo punto i Comuni hanno un’idea: i “10 metri” possono essere divisi in due: 5 a me e 5 a te, nel senso che il lotto “B” deve rispettare i “propri” 5 metri e se il proprietario del lotto “A” ha costruito a meno di 5 metri, non importa, l’importante è che tu, nuovo costruttore, rispetti i “tuoi” 5 metri. (vedi dis. 4)frec
L’ignaro costruttore (stiamo parlando di un privato cittadino che di fronte alla legge è il responsabile e non di un imprenditore edile) che nulla sa di leggi se non quello che gli dice il Comune, costruisce la sua casetta convintissimo di essere perfettamente in regola. Penserà il vicino del lotto “A”, se ben consigliato, a togliergli serenità e certezze.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>